Logo BURASLogo Regione Sardegna
Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma della Sardegna
Buras > Bollettino n.24 - Parte III >Selezione

Torna Indietro

Selezione


Oggetto: Avviso di ricognizione dei requisiti ai sensi dell’art.20, comma 1, del D.Lgs 75/2017(Approvato con Deliberazione n.906 del 24/04/2018).

Autore: Azienda Ospedaliera G.Brotzu

Pubblicato in: Bollettino n.24 - Parte III del 10/05/2018

Data di Pubblicazione: 10/05/2018

Materie: CONCORSI E SELEZIONI


 

AO Brotzu

 

Avviso di ricognizione dei requisiti ai sensi dell’art.20, comma 1, del D.Lgs 75/2017

 

(Approvato con Deliberazione n.906 del 24/04/2018)

 

Visto il D.Lgs. 25-5-2017 n. 75 recante “Modifiche e integrazioni al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ai sensi degli articoli 16, commi 1, lettera a), e 2, lettere b), c), d) ed e) e 17, comma 1, lettere a), c), e), f), g), h), l) m), n), o), q), r), s) e z), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. ed in particolare l’art 20 del medesimo decreto recante la disciplina sul “ Superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni”;

Visto l’articolo1 –comma 813 della L.27.12.2017 n.205 (Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020) nella parte in cui riporta che << all'articolo 20, comma 11, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75, le parole: « tecnico-professionale e infermieristico del Servizio sanitario nazionale » sono sostituite dalle seguenti: « , dirigenziale e no, di cui al comma 10 ».

Vista la Circolare n.3/2017 del 23/11/2017 con la quale il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione ha diramato indirizzi operativi in materia di valorizzazione dell’esperienza professionale del personale con contratto di lavoro flessibile e superamento del precariato;

Vista la Circolare n.1/2018 del 09/01/2018 con la quale il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione ha comunicato integrazioni alla Circolare n.3/2017 del 23/11/2017;

Vista la Deliberazione della G.R n.10/17 del 27/02.2018 relativa alla “Stabilizzazione del precario del Servizio Sanitario Regionale ai sensi dell’art, 20 del D.Lgs n.75/2017. Recepimento del Documento sull’applicazione dell’art.20 del D.Lgs n.75 adottato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome in data 15.02.2018;

Visto il Protocollo d’intesa in materia d Stabilizzazione del Personale Precario del servizio Sanitario Regionale della regione Sardegna, sottoscritto tra l’Assessore dell’Igiene e Sanità e le Organizzazioni Sindacali regionali del Comparto Sanità, finalizzato alla definizione di indirizzi comuni e di criteri omogenei per l’applicazione delle procedure previste dalle vigenti disposizioni normative in materia di stabilizzazione del personale precario del Comparto del Servizio Sanitario Regionale, siglato in data 01.03.2018;

Visto il Protocollo d’intesa in materia d Stabilizzazione del Personale Precario del servizio Sanitario Regionale della regione Sardegna, sottoscritto tra l’Assessore dell’Igiene e Sanità e le Organizzazioni Sindacali regionali della Dirigenza Medica, Veterinaria e SPTA finalizzato alla definizione di indirizzi comuni e di criteri omogenei per l’applicazione delle procedure previste dalle vigenti disposizioni normative in materia di stabilizzazione del personale precario della Dirigenza Medica, Veterinaria e SPTA, siglato in data 08.03.2018;

Vista la Circolare dell’Assessorato dell’Igiene e Sanità e dell’Assistenza Sociale PG/20186683 del 15/03/2018 con la quale sono stati forniti chiarimenti in ordine alla stabilizzazione del personale precario del SSR, ex art 20 del D.Lgs n.75/2017, con la quale chiarisce che il Ministero della Salute, attraverso la nota n.55338 del 16/11/2016, chiarisce che “il personale tecnico professionale” ricomprende tutte le figure professionali che erogano in tutto o i parte attività di carattere sanitario o che effettuano prestazioni ausiliarie rispetto a tali attività In sostanza tutti i profili del ruolo sanitario, gli operatori socio-sanitari e gli autisti di ambulanze, ad esclusione dei dirigenti appartenenti al ruolo Professionale, Tecnico e Amministrativo;

Stante l’opportunità e l’intendimento di questa Amministrazione di utilizzare le forme di reclutamento previste dalla normativa di riferimento ed utile al conseguimento degli obiettivi generali di contenimento della spesa sostenuta per il personale a tempo determinato ed al fine di ridurre il fenomeno del precariato, valorizzando le professionalità in coerenza con i fabbisogni e le esigenze organizzative e funzionali;

 

Si Invita

 

Il Personale, Dirigenziale e no, del Ruolo Sanitario Medico, del Ruolo Sanitario non Medico, Tecnico-Professionale e Infermieristico a presentare istanza (utilizzando il modello esemplificativo allegato “B ” ) con specifica e dettagliata dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà dei seguenti requisiti, qualora in possesso:

a) risulti in servizio successivamente alla data di entrata in vigore della legge n. 124 del 2015 con contratti a tempo determinato presso l'amministrazione che procede all'assunzione;

b) sia stato reclutato a tempo determinato, in relazione alle medesime attività svolte, con procedure concorsuali anche espletate presso amministrazioni pubbliche diverse da quella che procede all'assunzione;

c) aver maturato, al 31 dicembre 2017, alle dipendenze dell’AO Brotzu, almeno tre anni di servizio, anche non continuativi, negli ultimi otto anni (dal 01.01.2010 al 31.12.2017), nel profilo oggetto della richiesta di stabilizzazione.

Il requisito dei tre anni di lavoro negli ultimi otto, può essere stato maturato anche presso diverse amministrazioni del Servizio Sanitario Nazionale (SSN); può considerarsi anche il periodo maturato presso enti interessati da processi di riordino, soppressione o trasformazione quali, ad esempio, le Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB)..

Non hanno titolo alla stabilizzazione coloro che sono titolari di un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato presso una pubblica amministrazione nonchè i dipendenti con contratti ex artt. 15-septies e 15-octies del D.Lgs. n. 502 del 30.12.1992

Qualora il numero delle istanze di partecipazione al presente avviso dovesse eccedere il numero dei posti disponibili nella dotazione organica, l’Azienda Ospedaliera nominerà un’apposita Commissione che valuterà le istanze pervenute applicando i criteri di cui alla normativa di reclutamento a tempo indeterminato per quanto concerne la valutazione dei servizi e per quanto concerne le esperienze professionali, tenendo conto delle specifiche esigenze aziendali.

Ha comunque Priorità il personale in servizio presso questa Azienda Ospedaliera alla data di entrata in vigore del D.Lgs 75/2017 (22/06/2017).

Modalità di trasmissione delle istanze di Partecipazione

La domanda di partecipazione all’avviso, redatta in carta semplice e secondo lo schema allegato al presente bando, dovrà essere indirizzata al Direttore Generale della A.O.B.- Piazzale Ricchi 1 09134 Cagliari e dovrà pervenire entro il termine perentorio fissato nel bando e pubblicato sul sito aziendale www.aobrotzu.it – Sezione Concorsi e Selezioni.

Le domande potranno essere presentate secondo le modalità seguenti:

- spedite a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata: Al Direttore Generale - Azienda Ospedaliera G.Brotzu- Piazzale A. Ricchi, 09134 Cagliari.

La domanda di partecipazione deve essere firmata in calce dal candidato. La domanda non sottoscritta determinerà l’esclusione dall’avviso.

- tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo:

P.E.C. concorsi.selezione@pec.aobrotzu.it nel caso in cui il partecipante sia in possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC), entro il termine perentorio fissato nel bando e pubblicato sul sito aziendale www.aobrotzu.it – Sezione Concorsi e Selezioni

Qualora detto giorno sia festivo, il termine è prorogato al primo giorno successivo non festivo.

A tal fine farà fede il timbro a data dell'Ufficio postale accettante o la data di invio della PEC certificata dal gestore della stessa PEC.

La validità di invio mediante PEC è subordinata all’utilizzo da parte del candidato di una casella di posta elettronica certificata (PEC) della quale deve essere titolare. Non sarà pertanto valido l’invio da casella di posta elettronica ordinaria, anche se indirizzata alla PEC aziendale o l’invio da casella di posta elettronica certificata della quale il candidato non è titolare.

Le domande di partecipazione alla mobilità e la relativa documentazione dovranno essere esclusivamente trasmesse in un unico formato PDF, pena la non ammissione al concorso se presentate in formati differenti. Inoltre si precisa che le domande trasmesse mediante PEC saranno valide solo se:

- sottoscritte mediante firma digitale;

- oppure sottoscritte nell’originale scansionato ed accompagnate da fotocopia del documento di identità in corso di validità.

E’ esclusa ogni altra forma di presentazione o trasmissione delle istanze di partecipazione.

Non saranno imputabili all'amministrazione eventuali disguidi postali e di trasmissione. Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio, e l’eventuale riserva di invio successivo di documenti o il riferimento a documenti e titoli in possesso dell'Amministrazione è priva di effetto.

Si applicano le disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui al DPR 445/2000, così come modificato dall’art. 15 della Legge n. 183 del 12 novembre 2011.

Ai sensi dell’art.40 del D.P.R. 445/2000, come modificato dall’art.15 della L.183/2011, le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide ed utilizzabili solo nei rapporti tra privati.

Nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e con gestori di pubblici servizi, i certificati e gli atti di notorietà sono sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli art.. 46 e 47 dello stesso decreto.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere redatta secondo lo schema esemplificativo di cui all’allegato “C” e deve contenere dichiarazione sostitutiva relativamente al possesso dei requisiti specifici previsti dal bando.

La domanda di partecipazione redatta secondo l’allegato C e la dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà dovranno contenere tutti gli elementi utili e necessari ad individuare in modo univoco le certificazioni che sostituiscono, secondo le indicazioni specificate negli stessi schemi esemplificativi. In mancanza di tali elementi non si terrà conto delle dichiarazioni rese.

Le dichiarazioni sostitutive rese sotto la propria responsabilità dovranno contenere un espresso richiamo agli articoli di legge che le regolano ed alle sanzioni penali previste dall’art. 76 del DPR 445/2000 in caso di false dichiarazioni.

La dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà (art. 46 e 47 DPR 445 del 28.12.2000) deve obbligatoriamente riportare la seguente dicitura: “il sottoscritto consapevole che in caso di dichiarazioni mendaci o non più rispondenti a verità e di formazione o uso di atti falsi, si applicheranno le sanzioni penali richiamate dall’art. 76 del vigente Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa e che, ai sensi dell’art. 75 del Testo unico citato decadrà dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera, sotto la sua personale responsabilità dichiara …” .

Questa Amministrazione è tenuta ad effettuare, ai sensi dell’art. 71 del DPR 445/2000 e dell’art. 15 della Legge 183 del 12 novembre 2011, idonei controlli, anche a campione, e in tutti i casi in cui sorgano fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui agli artt. 46 e 47 ed a trasmettere le risultanze all’autorità competente, in base a quanto previsto dalla normativa in materia.

Fermo quanto previsto dall’art. 76 del citato DPR 445/2000 circa le sanzioni penali previste per le dichiarazioni false, qualora emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguiti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.

Alla domanda dovranno essere allegati una fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità.

In particolare, per i servizi prestati presso le Amministrazioni del SSR il candidato è tenuto a specificare espressamente e dettagliatamente:

- l’esatta indicazione, denominazione e sede dell’Amministrazione (datore di lavoro)

se trattasi di servizio a tempo indeterminato /determinato, a tempo pieno o parziale (in questo caso specificare la percentuale o il numero delle ore), ovvero con altre forme di lavoro flessibile;

- la posizione funzionale, ovvero la categoria ed il profilo professionale di inquadramento, eventuale disciplina di inquadramento;

- la data esatta di inizio (giorno/mese/anno) e quella di termine (giorno/mese/anno) del servizio effettuato, con l’indicazione dei periodi di interruzione del rapporto e loro motivo (aspettativa senza assegni,ecc).

Le istanze di partecipazione alla Selezione dovranno essere sottoscritte dai candidati a pena di esclusione e dovranno indicare il domicilio presso il quale deve essere inoltrata ogni eventuale comunicazione relativa all’avviso di cui trattasi; ogni eventuale cambiamento del domicilio va tempestivamente comunicato all’AOB. In caso di mancata indicazione varrà a tutti gli effetti il luogo di residenza indicato nella domanda di partecipazione.

In fase di istruttoria l’AOB si riserva la facoltà di effettuare opportune verifiche che comporteranno l’esclusione dalla ricognizione in caso di dichiarazioni non veritiere.

La presentazione della domanda di partecipazione comporta l’accettazione, senza riserva, di tutte le prescrizioni e precisazioni del presente avviso e di tutte le norme in esso richiamate.

L’Azienda si riserva inoltre la facoltà di prorogare, sospendere, modificare o revocare il presente avviso, nonché di riaprire i termini di scadenza qualora ne rilevasse la necessità e l’opportunità per ragioni di pubblico interesse.

Il Direttore Generale

Dott.ssa Graziella Pintus