Logo BURASLogo Regione Sardegna
Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma della Sardegna

Torna Indietro

Concorso


Oggetto: Indizione concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura, a tempo pieno ed indeterminato, di n. 2 posti di Dirigente Medico - disciplina Chirurgia Generale da assegnare alla S.C. Chirurgia Generale ed Endocrinochirurgia.

Autore: Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari

Pubblicato in: Bollettino n.52 - Parte III del 09/11/2017

Data di Pubblicazione: 09/11/2017

Materie: CONCORSI E SELEZIONI


 

Servizio Sanitario Nazionale – Regione Sardegna - Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari - Concorso Pubblico per titoli ed esami per la copertura, a tempo pieno e indeterminato, di n.2 posti di Dirigente Medico Disciplina Chirurgia Generale da assegnare alla S.C. Chirurgia Generale ed Endocrinochirurgia.

 

In esecuzione della deliberazione del Direttore Generale n. 792 del 20/09/2017, ai sensi del DPR n. 483/97, è indetto concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura, a tempo pieno e indeterminato, di n. 2 posti di Dirigente Medico disciplina Chirurgia Generale da assegnare alla S.C. Chirurgia Generale ed Endocrinochirurgia.

 

Art. 1 Requisiti generali di ammissione

 

Coloro che intendono partecipare al concorso in parola devono possedere, alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande, i seguenti requisiti ed i requisiti indicati nel successivo art. 2:

 

- Cittadinanza italiana o equivalente. I cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea devono godere dei diritti civili e politici anche negli stati di appartenenza o di provenienza ed essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;

 

- familiari di cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea, non aventi la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente (articolo 38, comma 1 del D.Lgs. 30.03.2001, n. 165, come modificato dall’articolo 7, comma 1, della Legge 06.08.2013, n. 97);

- cittadini di Paesi terzi all’Unione Europea che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (articolo 38, comma 3-bis del D.Lgs. 30.03.2001, n. 165, come modificato dall’articolo 7, comma 1, della Legge 06.08.2013, n. 97);

- cittadini di Paesi terzi all’Unione Europea che siano titolari dello status di “rifugiato” o di “protezione sussidiaria” (articolo 25 del D.Lgs. 19.11.2007, n. 251, come modificato dall’articolo 7, comma 2, della Legge 06.08.2013, n. 97, e articolo 38, comma 3-bis del D.Lgs. 30.03.2001, n. 165, come modificato dall’articolo 7, comma 1, della Legge 06.08.2013, n. 97). Sono considerati familiari, secondo la Direttiva Comunitaria n. 2004/28/CE, il coniuge del migrante, i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni a carico e quelli del coniuge, gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge;

Sono fatte salve, in ogni caso, le disposizioni di cui all'articolo 1 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, in materia di conoscenza della lingua italiana.

- Idoneità fisica all’impiego. L’accertamento della idoneità fisica all’impiego, con l’osservanza delle norme in tema di categorie protette, è effettuato a cura dall’Azienda Ospedaliero Universitaria prima dell’immissione in servizio;

- insussistenza di cause di esclusione dall'elettorato politico attivo;

- insussistenza di una precedente destituzione o dispensa per persistente insufficiente rendimento dall'impiego presso una pubblica amministrazione, nonché insussistenza di una precedente decadenza da un impiego statale essendo stato accertato il conseguimento mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;

- assenza di condanne penali che comportino l'interdizione dai pubblici uffici o di condanne che, se intercorse in costanza di rapporto di lavoro, possano determinare il licenziamento ai sensi di quanto previsto dai Contratti Collettivi Nazionali di riferimento e della normativa vigente;

- posizione regolare nei confronti dell'obbligo di leva per coloro che siano cittadini italiani (per i soli candidati di sesso maschile nati prima del 31 dicembre 1985).

Ai sensi dell’art. 3, comma 6, della Legge 15/05/1997 n.127, la partecipazione ai concorsi indetti da Pubbliche Amministrazioni non è soggetta a limiti d’età. L'assunzione presso le pubbliche amministrazioni è soggetta ai limiti di età indicati dalla normativa vigente.

 

Il mancato possesso così come la falsa dichiarazione dei requisiti indicati nella domanda di ammissione alla procedura comporta l'automatica esclusione dal concorso stesso, ferma restando la responsabilità individuale prevista dalla vigente normativa per le dichiarazioni mendaci.

 

Art. 2 Requisiti specifici

 

Ai sensi degli artt. 24, 56 del DPR 483/97, dell'articolo 15 comma 7 del D.lgs. n. 502 /1992, così come modificato dall'art. 8, punto 1 – lett. b) del D.Lgs. n. 254 del 2000, sono requisiti specifici di ammissione il possesso di:

1. diploma di laurea in medicina e chirurgia;

2. specializzazione nella disciplina oggetto del concorso ovvero in disciplina riconosciuta equipollente o affine ai sensi dei DD. MM. Sanità del 30 e 31 gennaio 1998 e smi.. Ai sensi dell’art. 56, comma 2 del citato DPR i dirigenti medici, in servizio di ruolo alla data di entrata in vigore del DPR 483/97, sono esentati dal requisito della specializzazione nella disciplina relativa al posto di ruolo ricoperto alla predetta data. Nella dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà relativa alla specializzazione deve essere indicata la data di immatricolazione, la durata e la data del conseguimento;

3, iscrizione all’albo dell’ordine dei medici. L’esercizio delle professioni sanitarie è consentito anche a chi abbia conseguito all’estero i titoli di studio e di abilitazione previsti, previo riconoscimento da parte del Ministero della Salute.

 

Art. 3 - Esclusioni

 

I requisiti di cui agli artt. 1 e 2 devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione; la mancanza è motivo di esclusione. La mancata sottoscrizione autografa della domanda da parte del candidato e il mancato rispetto dei termini di scadenza e delle modalità per l'invio delle istanze di partecipazione costituiscono motivo di esclusione dal concorso. L'esclusione dal concorso è disposta con provvedimento motivato del Direttore Generale, da notificarsi entro 30 giorni dalla esecutività della relativa decisione.

 

Art. 4 Domande di ammissione

 

La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata in carta semplice (a tal fine può essere utilizzato lo schema esemplificativo allegato al presente bando), deve essere indirizzata al Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari, e spedita, o inoltrata, nei modi e termini previsti al successivo art. 6. Nella domanda di ammissione al concorso, debitamente sottoscritta, gli aspiranti devono indicare sotto la propria responsabilità mediante dichiarazione sostitutiva di certificazioni o di atto di notorietà (artt. 46 e 47 D.P.R. n. 445/2000):

1. cognome, nome, data e luogo di nascita, residenza (con l'indicazione esatta del numero di codice di avviamento postale, l'eventuale numero telefonico e l'indirizzo e-mail o PEC);

2. il possesso della cittadinanza Italiana o equivalente ovvero di essere cittadino di uno degli Stati membri dell'Unione Europea o altro (così come indicato all'art. 1 del presente bando);

3. il comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;

4. di non avere procedimenti penali in corso e/o di non aver riportato condanne penali (in caso contrario indicare le condanne penali anche qualora sia intervenuta l'estinzione della pena o sia stato concesso il perdono giudiziale o la sospensione condizionale della pena);

5. di non essere stato destituito, dispensato o licenziato da un pubblico impiego, ovvero le eventuali cause di destituzione, dispensa o licenziamento;

6. di godere dei diritti civili e politici e se cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea di goderne anche negli stati di provenienza ovvero i motivi del mancato godimento e di essere in possesso, fatta salva la titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini italiani; di avere adeguata conoscenza della lingua italiana; di aver ottenuto il riconoscimento da parte del Ministero della Salute dei titoli di studio e di abilitazione previsti per partecipare alla procedura se conseguiti all’estero;

7. la propria posizione nei riguardi degli obblighi militari;

8. di essere in possesso dell’idoneità fisica alle mansioni da svolgere;

9. il possesso del diploma di laurea in medicina e chirurgia;

10. l’iscrizione all’Albo dei Medici di uno degli Ordini provinciali italiani. L'iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei Paesi dell'Unione Europea consente la partecipazione, fermo restando l'obbligo di iscrizione all'Albo in Italia prima dell'assunzione in servizio;

11. il possesso della specializzazione oggetto del concorso ovvero in disciplina riconosciuta affine dal D.M. Sanità 31.01.98, ovvero in disciplina riconosciuta equipollente ai sensi della normativa regolamentare concernente i requisiti d’accesso al 2° livello dirigenziale del personale del SSN contenuta nel D. M. Sanità 30.01.98, ai sensi dell'art. 56, comma 1, del DPR 483/97, ovvero di essere esentati dal possesso della specializzazione in quanto, ai sensi dell’art. 56, comma 2, del DPR n. 483/97, in servizio di ruolo in qualità di dirigente medico nella disciplina a concorso alla data di entrata in vigore del DPR n. 483/97 citato;

12. i servizi prestati presso Pubbliche Amministrazioni e le eventuali cause di risoluzione dei precedenti rapporti di pubblico impiego (specificare se vi sia stato recesso per giusta causa ai sensi del vigente C.C.N.L.);

13. il possesso di altri titoli di studio oltre quello richiesto dal bando;

14. i beneficiari della Legge 5 febbraio 1992, n. 104 devono specificare nella domanda di ammissione, qualora lo ritengano indispensabile, l’ausilio eventualmente necessario per l’espletamento delle prove di esame in relazione al proprio handicap, nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi;

15. gli eventuali titoli che danno diritto a usufruire di riserve, precedenze o preferenze;

16. la lingua straniera, scelta tra l’inglese ed il francese, in cui si intende essere esaminati in sede di prova orale d’esame, in caso di omessa indicazione si intende che la lingua prescelta sia l’inglese.

17. di accettare, senza riserve, tutte le norme contenute nel bando in oggetto;

18. il domicilio presso il quale deve essere fatta ogni necessaria comunicazione e l'impegno a far conoscere le successive eventuali variazioni di recapito. In caso di mancata indicazione vale, ad ogni effetto, la residenza di cui al punto “a)”;

19. il proprio consenso al trattamento dei dati personali, compresi i dati sensibili, ai fini della gestione della presente procedura concorsuale, ai sensi del D.Lgs. n. 196/03.

La domanda di partecipazione alla procedura concorsuale deve essere sottoscritta, pena l’esclusione dalla stessa; ai sensi dell’art. 39 del DPR n. 445/2000 la sottoscrizione non è soggetta ad autenticazione.

Per quanto attiene alla domanda ed alle dichiarazioni presentate per via telematica, si specifica che queste sono valide se effettuate secondo quanto previsto dall’art. 65 del decreto legislativo n.82 del marzo 2005 e successive modifiche e integrazioni.

L’Amministrazione declina fin d’ora ogni responsabilità per dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte del candidato e da mancata oppure tardiva comunicazione del cambio di domicilio indicato nella domanda, o per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpe di questa Amministrazione. La presentazione della domanda di partecipazione al concorso comporta l'accettazione, senza riserva, di tutte le norme contenute e/o richiamate nel presente bando.

 

Art. 5 Documentazione richiesta da allegare alla domanda

 

Si premette che, ai sensi dell'art. 40, comma 1, del DPR 445 del 2000, introdotto dall'articolo 15 della Legge 12.11.2011, n. 183, le certificazioni rilasciate dalle PP.AA. in ordine a stati, qualità personali e fatti sono utilizzabili solo nei rapporti tra privati e pertanto, per la partecipazione alla presente procedura concorsuale, i certificati e gli atti di notorietà devono essere sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli artt. 46 (Dichiarazioni sostitutive di certificazioni) e 47 (dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà) del citato D.P.R. n. 445/2000 e s.m.i.. Alla domanda il concorrente dovrà allegare i documenti relativi ai titoli e servizi che ritenga opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito e della formazione della graduatoria, ovvero titoli di carriera, titoli accademici e di studio, pubblicazioni e titoli scientifici. A tale proposito si precisa che:

 

- nelle autocertificazioni di servizio devono essere indicate le posizioni funzionali e le qualifiche rivestite, le discipline nelle quali i servizi sono stati prestati, il tipo di rapporto di lavoro (tempo pieno/tempo parziale con percentuale), nonché le date iniziali e finali dei relativi periodi di attività;

- nella autocertificazione relativa ai servizi deve essere inoltre attestato se ricorrono o meno le condizioni di cui all'ultimo comma dell'art. 46 del D.P.R. 20.12.1979, n. 761 indicando, in caso affermativo, la percentuale di abbattimento del punteggio applicabile nella fattispecie;

- il servizio militare deve essere autocertificato ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. 445/2000 con indicazione dell'esatto periodo di svolgimento, della qualifica rivestita e della struttura presso la quale è stato prestato;

- l'autocertificazione attestante il servizio prestato presso Case di Cura private deve espressamente contenere l'indicazione della convenzione o accreditamento con il S.S.N.;

- un curriculum formativo e professionale, redatto in formato europeo e reso sotto forma di dichiarazione sostitutiva di cui al D.P.R. 445/2000 e s.m.i., datato e firmato. Tale curriculum sarà valutato, ai sensi dell’art. 11, comma 1 lett. c) del DPR 483/97, con riguardo ai singoli elementi documentali formalmente prodotti;

- l'autocertificazione comprovante l’eventuale diritto di precedenza, riserva o preferenza, prodotta nei modi previsti dalla vigente normativa;

- un elenco, in triplice copia e in carta semplice, delle pubblicazioni, dei titoli e dei documenti presentati, datato e firmato dal candidato;

- fotocopia fronte/retro di un documento d’identità in corso di validità.

Le pubblicazioni devono essere edite a stampa e presentate in originale o in fotocopia semplice, accompagnata da apposita dichiarazione di conformità all'originale; non sono ammessi lavori manoscritti, dattiloscritti o in bozza di stampa o in fotocopia non autenticata, o in copia semplice senza dichiarazione di conformità all'originale; ove le stesse siano indicizzate è onere del candidato specificarlo.

 

I certificati rilasciati dalle competenti autorità dello Stato di cui lo straniero è cittadino devono essere conformi alle disposizioni vigenti nello Stato stesso e debbono, altresì, essere prodotti nella lingua di origine e tradotti in lingua italiana. Non saranno valutati i documenti già prodotti a questa Amministrazione, se non quelli acclusi alla domanda relativa al concorso in oggetto inviata entro il termine di scadenza. I titoli e i documenti presentati non saranno restituiti.

 

Dichiarazioni Sostitutive

 

Il candidato, in luogo delle certificazioni rilasciate dall’autorità competente, può avvalersi delle seguenti dichiarazioni sostitutive previste dal DPR 445/2000 e s.m.i.

1) dichiarazione sostitutiva di certificazione, da utilizzarsi nei casi riportati nell’elenco di cui all’art. 46 D.P.R. n. 445/2000 (per es. stato di famiglia, possesso di titolo di studio, possesso di specializzazione, ecc.);

2) dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (art. 47 D.P.R. n. 445/2000) da utilizzare per tutti gli stati, fatti e qualità personali non compresi nel citato art. 46 DPR n. 445/2000 (ad esempio: attività di servizio...ecc);

3) dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà relativa alla conformità all’originale di una copia di un atto, di un documento, di una pubblicazione o di un titolo di studio (artt. 19 e 47 D.P.R. n. 445/2000).

Tutte le dichiarazioni sostitutive, di cui ai precedenti punti 1, 2 e 3 devono riportare, pena la mancata valutazione:

a) la dicitura: il sottoscritto __________ consapevole, ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. n. 445/2000, delle sanzioni penali a cui può andare in contro in caso di dichiarazioni mendaci dichiara ...

b) l’autorizzazione al trattamento dei dati personali ex D.Lgs. 196/2003;

c) la sottoscrizione del dichiarante.

La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, di cui ai precedenti punti 1, 2 e 3, deve essere presentata unitamente a copia fotostatica (fronte e retro) di un documento di identità in corso di validità del dichiarante pena la mancata valutazione. In ogni caso le dichiarazioni sostitutive di cui ai precedenti punti 1, 2 e 3 devono contenere, a pena di non valutazione, tutte le informazioni atte a consentire una corretta/esaustiva valutazione delle attestazioni in esse presenti.

La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà concernente il servizio prestato deve contenere: 1) l’esatta indicazione dell’Ente presso il quale il servizio è stato prestato (nominativo, struttura pubblica, struttura privata accreditata o meno, ecc.); 2) la natura giuridica del rapporto di lavoro (contratto di dipendenza a tempo indeterminato – determinato; contratto di collaborazione; consulenza, tutoraggio, ecc.); 3) la qualifica rivestita ed il profilo (es. dirigente medico specialità …); 4) la tipologia del rapporto di lavoro (tempo pieno - parziale, con l’indicazione del numero di ore svolte alla settimana, con indicazione ore di lezione o tutoraggio, ecc); 5) la data di inizio e fine del rapporto di lavoro; 6) l’indicazione di eventuali interruzioni del rapporto di lavoro (aspettativa senza assegni, sospensione cautelare, ecc.); 7) le cause delle eventuali cessazioni del rapporto di lavoro (scadenza del contratto, dimissioni, licenziamento, ecc.) 8) tutto ciò che si renda necessario, nel caso concreto, per valutare correttamente il servizio stesso.

L’Amministrazione procede ad effettuare idonei controlli sulla veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive ricevute e qualora dovessero emergere ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci, oltre alla decadenza dell’interessato dai benefici eventualmente conseguiti, sono applicabili le sanzioni penali previste dalla normativa vigente.

Nella certificazione relativa ai servizi deve essere attestato se ricorrano o meno le condizioni di cui all’ultimo comma dell’art. 46 del D.P.R. 761/79, in presenza delle quali il punteggio di anzianità deve essere ridotto. In caso positivo, l’attestazione deve precisare la misura della riduzione del punteggio.

 

Art. 6 Modalità e termini per la presentazione delle domande

 

La domanda di partecipazione al presente concorso deve essere presentata esclusivamente secondo le seguenti modalità:

1. direttamente, a cura e responsabilità dell’interessato (o consegna tramite terza persona all'uopo delegata e munita di valido documento di riconoscimento) presso l’Ufficio Protocollo Generale dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari - via Ospedale 54 – 09124 Cagliari (orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 08,30 alle ore 13,30 entro e non oltre il termine indicato. In tal caso, il candidato potrà richiedere all’Ufficio Protocollo Generale ricevuta comprovante l’avvenuta presentazione della domanda tramite apposizione di timbro datario sulla copia del solo frontespizio della domanda, in possesso del candidato;

2. per via telematica nei limiti e con le modalità stabiliti dall'art. 65 del D.Lgs. 07.03.2005, n. 82 esclusivamente al seguente indirizzo: dir.generale@pec.aoucagliari.it, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta esclusivamente in formato Pdf, con allegata scansione di un valido documento di identità; l’Azienda declina ogni responsabilità per le domande inviate tramite PEC e non leggibili dal Sistema di Protocollo Informatico poiché trasmesse in formato diverso da quello PDF. E' esclusa ogni altra forma di trasmissione.

L’Azienda declina fin d’ora ogni responsabilità per dispersione di comunicazioni dovute a inesatte indicazioni del recapito da parte dell’istante oppure a mancata o ritardata comunicazione del cambiamento dell’indirizzo, non imputabili a colpa dell’Amministrazione stessa. Parimenti l’Azienda non risponde del mancato recapito o smarrimento della domanda di partecipazione imputabile a terzi, caso fortuito o forza maggiore.

All'esterno della busta, o oggetto della della P.E.C., deve essere indicata la seguente dicitura “Domanda di partecipazione al concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura, a tempo pieno e indeterminato, di n. 2 posti di Dirigente medico disciplina Chirurgia Generale”. Il termine per l’inoltro delle domande e dei documenti allegati, pena l’esclusione dal concorso, è fissato entro il 30° giorno successivo a quello della data di pubblicazione dell’estratto del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana; qualora il predetto giorno sia festivo, il termine sarà prorogato al primo giorno successivo non festivo. Le domande si considerano prodotte in tempo utile solo se pervenute dopo la pubblicazione dell’estratto del bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana; a tal fine fa fede il timbro datario dell’Ufficio Protocollo Generale.

Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio, l’eventuale riserva di un invio successivo alla scadenza del termine di documenti è priva di effetto.

 

Art. 7 Tassa di ammissione

 

I candidati dovranno allegare alla domanda l’originale della ricevuta attestante il versamento della Tassa di ammissione di euro 8,00 (otto/00) da effettuarsi su c.c.p. n. 83048769 intestato all’Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari - Servizio Tesoreria, nella quale andrà specificata quale causale del versamento: Concorso pubblico, per titoli ed esami, per n. 2 posti di Dirigente Medico – disciplina Chirurgia Generale.

 

Art. 8 Commissione esaminatrice e svolgimento delle prove

 

La Commissione Esaminatrice sarà nominata secondo la normativa vigente in materia. Come previsto e disciplinato dall'art. 35 bis, del D.Lgs n. 165 del 2001 e s.m.i., rubricato “Prevenzione del fenomeno della corruzione nella formazione di commissioni e nelle assegnazioni agli uffici” inserito nel D.Lgs. 165/2001 e s.m.i., dall'articolo 1, comma 46, della Legge 6 novembre 2012, n. 190, “non possono fare parte, anche con compiti di segreteria, di commissioni per l'accesso o la selezione a pubblici impieghi coloro che sono stati condannati, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti nel capo I del titolo II del libro secondo del codice penale.

Si rende noto che il sorteggio dei componenti della Commissione esaminatrice relativa al concorso in oggetto, avrà luogo presso il Servizio Amministrazione del Personale dell’Azienda Ospedaliero Universitaria, II piano P.O. S. Giovanni di Dio, nella via Ospedale 54, in Cagliari, con inizio alle ore 9.00 del giorno successivo alla scadenza del termine per la presentazione delle domande. Il sorteggio non sarà effettuato in mancanza di domande. Qualora detto giorno cada di sabato o festivo, la data è spostata al primo giorno successivo non festivo. In caso di rinuncia dei componenti estratti o interpellati, o qualora non si sia provveduto al sorteggio nella data di cui sopra, si procederà a nuovi sorteggi ogni lunedì e/o mercoledì successivo alla prima estrazione o alla data nella quale si sarebbe potuta tenere, con le stesse modalità, luogo e orario del primo sorteggio. Il diario della prova scritta sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica - 4ª serie speciale «Concorsi ed esami» e sul sito sito web dell’A.O.U. Cagliari all'indirizzo www.aoucagliari.it nella sezione “Albo pretorio – Concorsi e Selezioni, non meno di venti giorni prima dell'inizio delle prove medesime. Le pubblicazioni in argomento assumono valore di notifica a tutti gli effetti.

I candidati che per qualsiasi motivo non si presentino a sostenere la prova prevista nel giorno, nell’ora e nella sede stabilita, saranno considerati rinunciatari al concorso stesso. Per essere ammessi a sostenere le prove i candidati dovranno presentarsi muniti di idoneo documento di identità in corso di validità. Il calendario delle successive prove, pratica ed orale, sarà comunicato ai candidati ammessi, a cura della Commissione Esaminatrice, nei modi e nei termini di cui al D.P.R. 483/1997.

 

Art. 9 Prove d’esame

 

Le prove d’esame saranno le seguenti:

Prova scritta: relazione su caso clinico simulato o su argomenti inerenti alla disciplina messa a concorso o soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica inerenti alla disciplina stessa, con particolare riguardo agli interventi chirurgici di endocrinochirurgia;

prova pratica: verterà sull'accertamento della conoscenza, da parte del candidato, di tecniche e manualità peculiari della disciplina messa a concorso, con particolare riguardo ai devices che vengono utilizzati in chirurgia endocrina; in relazione anche al numero dei candidati, la prova pratica potrà essere svolta su materiale anatomico in sala autoptica, ovvero con altra modalità a giudizio insindacabile della commissione; la stessa dovrà comunque essere anche illustrata schematicamente per iscritto;

prova orale: verterà su argomenti scelti dalla Commissione sulle materie inerenti alla disciplina a concorso, con particolare riguardo alla materia della endocrino chirurgia, su quelli oggetto della prova scritta e/o della prova pratica, nonché sui compiti connessi alla funzione da conferire.

Ai candidati che conseguono l'ammissione alle prove pratica e orale dovrà essere data comunicazione con l'indicazione del voto riportato nella prova scritta.

Ai sensi dell'art. 5, comma 3, del DPR n. 272/04 e s.m.i., nell’ambito della prova orale è altresì accertata la conoscenza della lingua straniera scelta dal candidato tra l’inglese e il francese. In occasione della prova orale è accertata la conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse. Del giudizio conclusivo di tali verifiche si tiene conto ai fini della determinazione del voto relativo alla prova orale.

In relazione al numero dei candidati, si potrà stabilire di far precedere le prove di esame da una preselezione che potrà essere predisposta anche da aziende specializzate nella selezione di personale.

 

Art. 10 Valutazione dei titoli e delle prove d’esame

 

La commissione dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti:

- 20 punti per i titoli;

- 80 punti per le prove d’esame.

I punti per la valutazione dei titoli sono così ripartiti:

a) titoli di carriera punti 10; b) titoli accademici e di studio punti 3; c) pubblicazioni e titoli scientifici punti 3; d) curriculum formativo e professionale punti 4.

Per la valutazione dei titoli di carriera, dei titoli accademici e di studio, delle pubblicazioni e titoli scientifici e del curriculum formativo e professionale, la commissione esaminatrice dovrà attenersi ai principi stabiliti dall'art. 11 e 27 del DPR 483/97 , dal DPR 445/2000 e s.m.i., nonché dai criteri stabiliti nel presente bando di concorso.

I punti per la valutazione delle prove d’esame sono così ripartiti:

a) 30 punti per la prova scritta; b) 30 punti per la prova pratica; c) 20 punti per la prova orale.

Il superamento di ciascuna prova è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di 21/30 ( ventuno trentesimi ) sia per la prova scritta che per quella pratica, e di 14/20 ( quattordici ventesimi ) per la prova orale.

 

Art. 11 Graduatoria

 

La commissione esaminatrice, al termine delle prove d'esame, formulerà la graduatoria di merito dei candidati. La graduatoria è formata secondo l’ordine dei punteggi della votazione complessiva riportata da ciascun candidato, con l’osservanza, a parità di punti, delle preferenze previste dall’art. 5 del DPR 9 maggio 1994 n. 487 e successive modificazioni. E’ escluso dalla graduatoria il candidato che non abbia conseguito, in ciascuna prova d’esame, la prevista valutazione di sufficienza. Nell’ipotesi in cui si rilevino oltre alla parità di punteggio anche parità nei titoli di precedenza o preferenza, sarà collocato in posizione precedente il candidato che, nell’ordine, abbia riportato: 1) il maggior punteggio complessivo con riguardo alle prove d’esame; 2) a parità di punteggio di cui al punto 1, il maggior punteggio nella prova scritta; 3) a parità di punteggio di cui al punto 2, il maggior punteggio nella prova pratica; 4) a parità di punteggio di cui al punto 3, il maggior punteggio nella prova orale. Tutte le precedenze stabilite dalle vigenti disposizioni di legge, nonché lo stato che dà luogo all’applicazione del beneficio saranno osservate purché alla domanda di ammissione al concorso siano uniti i necessari documenti probatori.

Sono dichiarati vincitori, nei limiti dei posti complessivamente messi a concorso, i candidati utilmente collocati nella graduatoria di merito, tenuto conto delle disposizioni di legge in vigore che prevedono riserve di posti in favore di particolari categorie di cittadini (art. 18 D. Lgs. 215/2001 e s.m.i. - Disposizioni per disciplinare la trasformazione progressiva dello strumento militare in professionale, a norma dell'art. 3, comma 1, della legge 14 novembre 2000, n. 331 e s.m.i. – Legge n. 68/1999 – Norme per il diritto al lavoro dei disabili – D. Lgs. 150/2009 – Attuazione della Legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, e s.m.i.), è garantita la riserva dei posti ai sensi degli artt. 1014 e 678 del D.Lgs. n. 66/2010 e s.m.i., per i volontari in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contrattata, e ai sensi dell'art. 35, comma 3bis, lettera a), del D.Lgs. n. 165 del 2001 e s.m.i., per i titolari di rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato che, alla data di pubblicazione del presente bando, hanno maturato almeno tre anni di servizio alle dipendenza di questa Amministrazione; coloro che intendono avvalersi delle riserve di cui sopra devono farne espressa menzione nella domanda di partecipazione. Il Direttore Generale, riconosciuta la regolarità degli atti concorsuali, li approva e procede alla dichiarazione dei vincitori, nei limiti dei posti complessivamente messi a concorso, con propria deliberazione. La graduatoria di merito è immediatamente efficace e viene pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Sardegna e rimane efficace per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione anche per l'eventuale copertura di posti della stessa categoria e profilo professionale che successivamente, ed entro tale termine, dovessero rendersi disponibili; l'utilizzazione della graduatoria non è ammessa per la copertura dei posti istituiti successivamente all'indizione del presente bando di concorso.

 

Art. 12 - Adempimenti dei vincitori

 

I candidati dichiarati vincitori saranno invitati dall’Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari, ai fini della stipula del contratto individuale di lavoro, a presentare, nel termine di 30 (trenta) giorni dalla data di comunicazione, a pena di decadenza dei diritti conseguenti alla partecipazione al concorso, i documenti di rito prescritti per l’assunzione ai fini della formale stipulazione del contratto individuale di lavoro. Qualora a seguito della presentazione della documentazione richiesta per l’assunzione, l’Azienda verificasse il mancato possesso di taluno dei requisiti essenziali per l’assunzione, si procederà con provvedimento motivato all’esclusione del candidato dalla graduatoria concorsuale. Scaduto il termine assegnato per la presentazione della documentazione, l’Azienda comunicherà di non dar luogo alla stipula del contratto.

 

Art. 13 Assunzione in servizio dei vincitori

 

Prima della stipula del contratto individuale, e comunque prima dell’immissione in servizio, l’Azienda Ospedaliero Universitaria provvederà ad accertare l’idoneità fisica al servizio, con l’osservanza delle norme in materia di categorie protette. A seguito dell’accertamento del possesso dei requisiti prescritti, si procederà all’assunzione dei vincitori mediante stipulazione del contratto individuale previsto dal C.C.N.L. vigente relativo alla Dirigenza Medica e Veterinaria del SSN, al quale si fa espresso ed integrale rinvio.

L’assunzione decorre, a tutti gli effetti giuridici ed economici, dalla data di effettivo inizio del servizio, che deve aver luogo entro il termine assegnato dall'Amministrazione (non inferiore a 30 giorni a decorrere dal ricevimento della comunicazione da parte dell'Azienda). Il vincitore del concorso dovrà assumere servizio, sotto pena di decadenza, nel giorno fissato dal contratto individuale di lavoro. Il dipendente assunto in servizio è soggetto ad un periodo di prova di sei mesi ai sensi delle norme contrattuali di riferimento.

 

Art. 14 Tutela della privacy

 

I dati anagrafici e di stato personale nonché quelli relativi al curriculum scolastico e professionale, richiesti ai candidati ai fini dello svolgimento della procedura concorsuale saranno utilizzati nel rispetto del D.Lgs. n. 196/2003 che stabilisce i diritti dei candidati in materia di tutela relativa al trattamento dei dati personali. Il trattamento dei dati sarà effettuato anche con l’ausilio di mezzi elettronici ed automatizzati e comunque mediante strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza. Qualora il candidato non sia disponibile a fornire i dati e la documentazione richiesta dal presente bando, non si potrà dar luogo al processo selettivo nei suoi confronti. I dati risultanti da ciascuna domanda di partecipazione al concorso e dalla documentazione allegata potranno essere trattati ed essere oggetto di comunicazione a terzi al fine di provvedere ad adempimenti derivanti da obblighi di legge.

 

Art. 15 Norme finali

 

Per quanto non espressamente previsto nel presente bando si rinvia alla Legge n. 207/1985 e s.m.i., al D. Lgs. n. 502/92 e s.m.i., al D.P.R. n. 487/94 e s.m.i., alla L. n. 68/99 e s.m.i., al D.Lgs n. 165/2000 e s.m.i., alle norme contenute nel DPR n. 445/2000 e s.m.i., alle norme di cui al D.Lgs n. 128/2006 che garantiscono pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro, alle norme contrattuali in vigore per l’Area IV della dirigenza Medica e Veterinaria del ruolo sanitario del S.S.N., al DPR n. 483/97 e s.m.i., al D.M. Sanità 30.01.98 e al D.M. Sanità 31.01.98, al DPR n. 272/04 e s.m.i., nonché alle norme di legge applicabili in materia. L’Amministrazione si riserva la facoltà, per legittimi motivi, di prorogare, sospendere o revocare, in tutto o in parte, o modificare il presente bando a suo insindacabile giudizio, senza obbligo di comunicarne i motivi e senza che i concorrenti possano avanzare pretese o diritti di sorta. Per eventuali chiarimenti o informazioni gli interessati potranno prendere visione del presente bando, dopo la pubblicazione dell'estratto sulla Gazzetta Ufficiale, sul sito internet www.aoucagliari.it oppure potranno rivolgersi al Servizio Amministrazione del Personale, Settore Giuridico, II piano P.O. S. Giovanni di Dio, via Ospedale, 54 - 09124 – Cagliari, dal lunedì al venerdì dalle ore 11.00 alle 13.30, dal lunedì al giovedì dalle ore 15.30 alle 17.00, telefono 070/5109 3002 – 3003 – 3004 – 3007 – 3008 - 3009 – 3011–– fax 070/5109.2461.

Il bando e gli allegati sono consultabili sul sito internet www.aoucagliari.it – albo pretorio – Concorsi e selezioni.

Il Direttore Generale

Dott. Giorgio Sorrentino