Logo BURASLogo Regione Sardegna
Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma della Sardegna

Torna Indietro

Determinazione n. 609 del 06/06/2013


Oggetto: Avviso pubblico per l’ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale anni 2013/2016.

Autore: Assessorato Igiene e sanità e dell'assistenza sociale - Direzione generale della sanità - Servizio programmazione sanitaria e economico finanziaria e controllo di gestione

Pubblicato in: Supplemento straordinario n.23 - Assessorato Igiene e sanità e dell'assistenza sociale Avviso pubblico per l’ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale anni 2013/2016 del 04/07/2013

Data di Pubblicazione: 04/07/2013

Materie: SANITA’


 

Il Direttore del Servizio

 

VISTO lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

VISTA la Legge 23 dicembre 1978, n. 833;

VISTO il Decreto Legislativo 17 agosto 1999 n. 368, come modificato dal D. Lgs. 8 luglio 2003 n. 277, recante “Attuazione della direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli”;

VISTO il Decreto del Ministro della Salute del 7 marzo 2006, G.U. n. 60 del 13 marzo 2006, con il quale sono fissati i “Principi fondamentali per la disciplina unitaria in materia di formazione specifica in medicina generale”;

VISTA la Deliberazione della Giunta regionale n. 10-24 del 21 febbraio 2013, con la quale è stata approvata l’emanazione del Bando di concorso per esami, per l’ammissione al corso triennale di formazione specifica in medicina generale, della Regione Sardegna, di 25 cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione Europea, laureati in medicina e chirurgia e abilitati all’esercizio professionale, per l’ammissione al corso di formazione specifica in medicina generale, frequenza con borsa di studio, per il triennio 2013/2016, pubblicata nel Buras n. 12 del 14 marzo 2013, e, per estratto, nella G.U.R.I., 4° serie speciale Concorsi ed Esami n. 31 del 19 aprile 2013;

VISTO l’art. 3 della Legge n. 401 del 29 dicembre del 2000, “Norme sull’organizzazione del personale sanitario”, che prevede “I laureati in medicina e chirurgia iscritti al corso universitario di laurea prima del 31/12/91 ed abilitati all’esercizio professionale sono ammessi a domanda in soprannumero ai corsi di formazione specifica in medicina generale di cui al decreto legislativo 8 agosto 1991, n. 256. I medici ammessi in soprannumero non hanno diritto a borsa di studio e possono svolgere attività libero-professionale compatibile con gli obblighi formativi”;

VISTI gli atti del Gruppo interregionale per la formazione specifica in medicina generale approvati nelle sedute del 28 febbraio 2007 e del 22 marzo 2007, rispettivamente dalla Conferenza delle Regioni e dalla Commissione salute, con i quali è stato approvato l’Avviso per l’ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale, senza borsa di studio;

CONSIDERATO che nell’incontro del Gruppo interregionale, per la formazione specifica in medicina generale, tenutosi a Roma il 1° Febbraio 2008, si è deciso che “l’avviso pubblico per il soprannumero verrà emanato dalle Regioni che ne hanno esigenza e che eventuali trasferimenti di medici da una regione all’altra saranno possibili solo tra le Regioni che hanno il soprannumero”;

VISTE le Ordinanze di rigetto del:

- T.A.R. Sardegna - Cagliari - 1^ SEZIONE n. 451/2008, della domanda cautelare proposta in primo grado;

- Consiglio di Stato del 19 maggio 2009 n. 2562 che respinge l'appello di medici ricorrenti (Ricorso numero: 2897/2009 ) e considera ammissibile il contingentamento, per la formazione in medicina generale, nell’attuale sistema, anche e soprattutto per ragioni ordinative economiche della P.A. ed esprimono esito favorevole per l’Amministrazione Regionale;

- T.A.R. Sardegna – Cagliari – Ordinanza di sospensiva n. 00495/2009;

- Consiglio di Stato del 24 marzo 2010 n. 1399, con la quale è respinto l’appello con il Ricorso n. 1258/2010, “considerato che l’ordinanza impugnata appare correttamente motivata mediante il richiamo al precedente di questa Sezione di cui all’ordinanza n. 2562 del 19 maggio 2009, in ordine all’ammissibilità del contingentamento per la formazione in medicina generale”;

CONSIDERATO che la Regione Sardegna, anche per il triennio 2013/2016, come avvenuto per i trienni 2007/2010 e 2008/2011, 2009/2012, 2010/2013, 2011/2014, 2012/2015, per sopperire alle emergenti richieste dei medici interessati e titolari dei requisiti, per l’ammissione in soprannumero al corso in argomento, intende ammettere, alla frequenza del corso per la formazione specifica in medicina generale, a mezzo Avviso di selezione, n. 3 (tre) medici, pari al 10%, arrotondato per eccesso al numero superiore, del contingente di 25 (venticinque) medici che saranno ammessi con il concorso da espletarsi in data 17 settembre 2013. Tale contingentamento è rafforzato dalle Ordinanze su citate;

VISTO in particolare l’ultimo punto, della succitata Deliberazione della G. R. n. 10-24 del 21 febbraio 2013, che dà mandato all’Assessorato dell’Igiene e Sanità e dell’Assistenza Sociale all’emanazione dei successivi provvedimenti necessari alla organizzazione e all’espletamento del concorso, e alla pubblicazione, entro il mese di luglio 2013, dell’Avviso pubblico di selezione, per l’ammissione in sovrannumero, al corso 2013/2016, ai sensi dell’art. 3 della legge n. 401 del 29/12/2000, di n. 3 Medici, (pari al 10% del numero dei posti messi a concorso per il bando di medicina generale 2013/2016), e delle procedure per l’attuazione del corso in argomento;

DATO ATTO che, ai sensi del comma 6 dell’art. 4 del citato Avviso, la Regione Sardegna, esaurita la graduatoria degli idonei al concorso del 17 settembre 2013, intende ricoprire i posti che si renderanno disponibili, per cancellazione, rinuncia, decadenza o altri motivi, fino alla completa copertura, dei posti messi a bando, n. 25 medici più n. 3 medici, utilizzando la graduatoria, stilata a seguito della pubblicazione dell’Avviso per l’ammissione in soprannumero;

VISTO il Decreto n. 68 del 24 maggio 2013, dell’Assessore degli Affari generali, personale e riforma della Regione, con il quale, alla dott.ssa Francesca Piras, sono conferite le funzioni di direttore del Servizio Programmazione Sanitaria ed Economico Finanziaria Controllo di Gestione dell’Assessorato dell’Igiene e Sanità e dell’Assistenza Sociale;

 

Determina

 

ART 1 Per quanto sopra esposto, nella Regione Sardegna saranno ammessi alla frequenza del corso per la formazione specifica in medicina generale 2013/2016, in soprannumero, senza borsa di studio, tre medici, contingente pari al 10%, arrotondato per eccesso al numero superiore, dei n. 25 medici previsti dal Bando di concorso, per l’ammissione al corso con borsa di studio, che verrà espletato il 17 settembre 2013.

ART 2 E’ reso pubblico l’avviso che regolamenta l’ammissione di n. 3 (tre) Medici alla frequenza del corso per la formazione specifica in medicina generale per il triennio 2013/2016, senza borsa di studio, di cui agli Allegati 1), 2) 3) del presente provvedimento, che ne costituiscono parte integrante e sostanziale,.

ART 3 Ai sensi del comma 6 dell’art. 4 del citato Avviso, la graduatoria regionale dei soprannumerari potrà essere utilizzata fino al termine massimo di 10 (dieci) giorni dopo l’inizio del corso di formazione, previsto entro il 30 novembre 2013, per assegnare, secondo l’ordine della graduatoria stessa, i posti che si siano resi vacanti per cancellazione, rinuncia, decadenza o altri motivi. Eventuali posti, che si renderanno liberi, del contingente dei 25 messi a bando per la frequenza con borsa, esaurita la graduatoria degli idonei al concorso del 17 settembre 2013, saranno ricoperti utilizzando la graduatoria stilata a seguito della pubblicazione dell’Avviso per l’ammissione in soprannumero;

ART 4 La presente determinazione è trasmessa all’Assessore dell’Igiene e Sanità e della Assistenza Sociale, ai sensi dell’ art. 21, comma 9, della L.R. 31/98, al B.U.R.A.S., per la pubblicazione ai fini della decorrenza dei termini, sul sito Internet della Regione, per darne la massima divulgazione.

Piras